Uso telescopio

Il telescopio didattico (TD) è a disposizione dei Soci A.R.A. che ne faranno richiesta, e segue le stesse procedure di assegnazione del telescopio principale (TS). Per la richiesta di TTD (Tempo Telescopio Didattico) da parte dei corsisti o dei soci “junior”, l’accettazione della richiesta stessa è subordinata alla presenza di almeno un socio “senior”. Si consigliano pertanto i corsisti o i soci junior di far coincidere le date di richiesta con quelle già certe di utilizzo del telescopio principale che prevedano almeno la presenza di 2 persone. Non verranno accettate richieste di TTD nelle giornate dedicate alle aperture pubbliche e/o nel caso di eventi o manifestazioni, anche fuori sede, che richiedano l’utilizzo del telescopio didattico per le attività di didattica e divulgazione. Le prime richieste di TTD da parte dei soci junior o dei corsisti dovranno essere dedicate all’istruzione sul corretto utilizzo del telescopio stesso. In Osservatorio è presente una copia del manuale di utilizzo in formato cartaceo.

Regolamento per l’uso del telescopio dell’A.R.A. presso l’Oss. 157 – Frasso Sabino

  • Scopi

    Il presente atto, approvato dall’Assemblea dei Soci dell’A.R.A. in data 18/10/1993, ha come scopo la regolamentazione della gestione del telescopio sociale, della strumentazione e dell’Osservatorio situati presso l’edificio denominato "Vecchio Mulino" presso il Comune di Frasso Sabino.
    Il presente Regolamento garantisce a tutti i Soci in possesso degli opportuni requisiti (specificati nell’articolo 3) di poter usufruire dei mezzi e delle strutture dell’Osservatorio ai fini della ricerca, della didattica e della divulgazione in campo astronomico, secondo quanto previsto dallo Statuto dell’A.R.A. e dalla vigente convenzione con il Comune di Frasso Sabino per l’usufrutto dei locali dell’Osservatorio.
    Impegna inoltre i Soci a garantire il buon uso e la tutela degli strumenti e delle strutture affidategli.
  • Commissione

    È nominata dall’Assemblea dei Soci A.R.A. una Commissione composta da tre Soci (più un membro supplente), di cui uno facente parte del Consiglio Direttivo con l’incarico di Presidente della Commissione, con il compito di sovrintendere:
    • alla ripartizione del tempo d’uso del telescopio da assegnare tra le varie attività previste dallo Statuto dell’A.R.A.;
    • alla ripartizione delle serate osservative da effettuare con il telescopio sociale (appresso indicate come " Tempo Telescopio") tra i Soci che ne facciano richiesta;
    • di decidere la revoca della disponibilità del telescopio per i seguenti motivi:
      • osservazione di fenomeni astronomici di rilevante importanza di cui non è stato possibile effettuare una previsione;
      • attività pubbliche che non siano state programmate nei tempi previsti ma ritenute di estrema importanza dal Consiglio Direttivo dell’A.R.A.;
      • cause di forza maggiore;
      • a suo insindacabile giudizio per ogni altra causa la cui motivazione deve essere portata successivamente all’Assemblea dei Soci.
    • La Commissione opera in modo da rendere operativi i programmi scientifici, didattici, osservativi indicati dal Consiglio Direttivo dell’A.R.A. e seguirà i criteri riportati nell’allegato A del presente Regolamento, per "l’assegnazione del tempo telescopio" ai Soci. I membri della Commissione restano in carica per due anni e non possono essere rieletti nei due anni successivi. Le decisioni relative "all’assegnazione del tempo telescopio" sono prese dalla Commissione a maggioranza; in casi di estrema urgenza le decisioni possono essere prese dal Presidente della Commissione ed in sua assenza da un membro della Commissione che lo sostituisce o in subordine dal Consiglio Direttivo dell’A.R.A.. Per le decisioni la Commissione si può avvalere del Consigliere Scientifico, del Consigliere per la didattica e del Consigliere che coordina le attività con il Comune di Frasso Sabino.
  • Accesso al telescopio

    Hanno diritto di effettuare richieste per il" tempo telescopio" i Soci A.R.A. in possesso dei seguenti requisiti:
    • abbiano compiuto i 18 anni di età;
    • siano in regola con il pagamento delle quote sociali;
    • siano iscritti all’A.R.A. da più di un anno;
    • abbiano frequentato con profitto il "corso di base per l’uso del telescopio". (Sono esentati da tale corso persone di comprovata esperienza in campo astronomico su autorizzazione del Consiglio Direttivo A.R.A.);
    • abbiano accettato il presente Regolamento.
    • Può accedere al telescopio un gruppo formato come minimo da due persone, una delle quali deve possedere i requisiti sopra riportati. Deve essere sempre individuato un "responsabile del gruppo" il quale sovrintende all’applicazione del presente Regolamento durante la permanenza in Osservatorio, ed è responsabile dell’attività scientifica ed osservativa; in nessun caso è ammesso che acceda alla serata osservativa il singolo Socio. Persone esterne all’A.R.A., denominate "Ospiti", possono accedere all’Osservatorio per osservazioni accompagnate da un Socio A.R.A. con i requisiti sopra esposti, su autorizzazione della Commissione di cui all’articolo 5. Il corso di base per l’uso del telescopio viene effettuato almeno una volta l’anno seguendo un programma stabilito dalla Commissione. In casi particolari, in alternativa al corso, può essere effettuato un periodo di affiancamento a Soci esperti sempre su parere favorevole della Commissione.
  • Comportamento in Osservatorio

    I Soci che accedono all’Osservatorio devono:
    • compilare il registro "dell’Osservatorio" riportando presenze, scopo dell’osservazione, breve relazione del lavoro svolto, eventuali anomalie riscontrate;
    • eseguire tutte le procedure previste per apertura e chiusura dei locali, messa in funzione del telescopio e della strumentazione e successivo ricovero al termine dell’osservazione;
    • segnalare immediatamente alla Commissione eventuali guasti, anomalie, malfunzionamenti, esaurimento scorte;
    • lasciare i locali dell’Osservatorio puliti ed in ordine.
    • È fatto divieto assoluto a tutti, tranne che alle persone espressamente incaricate dal Consiglio Direttivo A.R.A. della manutenzione di "effettuare qualunque intervento tecnico" sugli strumenti.
  • Responsabilità

    I Soci A.R.A. e gli Ospiti accedono all’Osservatorio a loro rischio e pericolo. Gli Ospiti, prima del loro ingresso all’Osservatorio devono accettare il presente Regolamento.
  • Sanzioni

    I Soci che non rispettano il presente Regolamento sono proposti dalla Commissione al Consiglio Direttivo A.R.A. per la sospensione dall’uso del telescopio o per l’espulsione dall’A.R.A. Eventuali controversie tra Soci e Commissione saranno discusse di fronte al Consiglio A.R.A. per un appianamento; nel caso che la controversia sia insanabile le parti esporranno le motivazioni all’Assemblea dei Soci la quale delibererà in merito. Il Consiglio Direttivo può proporre all’Assemblea dei Soci, in caso di gravi mancanze, la destituzione della Commissione.

ALLEGATO A al Regolamento per l’uso del telescopio

Le motivazioni per l’assegnazione del "tempo telescopio" sono le seguenti:

  • ricerca: da intendersi come richiesta di tempo telescopio necessaria all’espletamento di un programma scientifico presentato da tre o più Soci A.R.A. di cui almeno uno con i requisiti necessari;
  • didattica e divulgazione: serate osservative da dedicare come completamento di un ciclo di lezioni o come ausilio per la divulgazione dell’astronomia;
  • osservazione: "tempo telescopio" da assegnare su richiesta di due o più Soci A.R.A. per attività personale a carattere astronomico.
È compito della Commissione, stabilire un’equa ripartizione del tempo disponibile, tra le varie attività, fatti salvi gli impegni con il Comune di Frasso Sabino ed i tempi necessari alla manutenzione del telescopio.
I programmi di ricerca devono essere vistati dal Consigliere Scientifico ed approvati dal Consiglio Direttivo.

Prenotazione ed assegnazione del "Tempo Telescopio"

Le richieste del "tempo telescopio" possono essere effettuate solo per una singola serata salvo che per attività di ricerca, didattica e divulgazione che necessitano più serate, anche consecutive, di osservazione.
Durante la prima settimana di ogni bimestre saranno raccolte le prenotazioni delle serate osservative del bimestre successivo; non si possono accettare serate per altri bimestri eccezion fatta per i programmi di ricerca per i quali potranno essere effettuate prenotazioni per tutto l’anno.
Durante il bimestre in corso potranno essere fatte richieste per le serate disponibili (le serate potranno essere prenotate solo tramite il Presidente della Commissione od in sua assenza secondo la gerarchia specificata all’articolo 2).

Criteri per l’assegnazione del "tempo telescopio"

I criteri di precedenza nelle assegnazioni di serate con la motivazione "osservazioni" ai quali la Commissione è invitata ad attenersi sono i seguenti:

  • è privilegiato il gruppo che ha goduto di un’assegnazione in tempi meno recenti (considerando la totalità del tempo telescopio assegnato ai componenti del gruppo);
  • in caso di dubbio saranno conteggiate le serate osservative godute nell’anno;
  • per l’assegnazione sono presi in considerazione anche la tipologia dei giorni richiesti (venerdi, sabato, prefestivi, festivi, Luna nuova); la Commissione cercherà per quanto possibile, di far si che ci sia un’alternanza di giorni e condizioni osservative tra i Soci;
  • le serate osservative assegnate ma non utilizzate per causa di forza maggiore (guasto al telescopio, tempo atmosferico cattivo ecc.) sono considerate come non fatte dal punto di vista del conteggio ai fini delle priorità nell’assegnazione del tempo telescopio ma non sono recuperabili in alcun modo, nel bimestre in corso; si dovrà effettuare una nuova richiesta secondo la procedura ordinaria;
  • le serate osservative assegnate ma non utilizzate per cause personali sono considerate come serate di cui si è usufruito;
  • solo nel caso in cui sia data disdetta almeno 15 giorni prima o che la serata sia assegnata ad altro gruppo non se ne terrà conto (è compito del Socio responsabile della serata cercare una sostituzione).
  • qualsiasi variazione o rinuncia deve essere comunicata alla Commissione per l’approvazione.

La Commissione è tenuta a presentare al Consiglio Direttivo dell’A.R.A. una relazione al termine di ogni bimestre, nella quale sono riportati i nomi dei Soci che hanno usufruito delle serate osservative, le motivazioni ed i criteri seguiti per l’assegnazione, e tutto ciò che ritiene utile evidenziare per una migliore gestione dell’Osservatorio.

Manuale Telescopio principale

Attualmente è presente solo in osservatorio